La terza via

E’ istintivo attaccarsi alle cose che danno sicurezza. Le cose materiali, il passato, seguire la massa, la routine, il lavoro fisso, lo stipendio… avere i piedi per terra oppure la testa attaccata al collo… danno un senso di sicurezza e un senso di appartenenza.

-    Un giorno mi trovavo all’aeroporto di Cagliari nel periodo in cui si stava costruendo la nuova aerostazione e i lavori erano quasi ultimati. Una anziana signora, che probabilmente era parecchio tempo che non passava da quelle parti, tutta infuriata mi chiese che fine aveva fatto l’aeroporto! – “Eccolo qui signora” – le ho risposto- “Tutto nuovo!” – e lei -  “Uffa! Ma perché non l’hanno lasciato com’era, che non ci capisco più niente!”

Già! Specialmente alle persone anziane non piacciono i cambiamenti, le innovazioni. Si sentono smarriti. L’istinto è la prima cosa che gli esseri viventi hanno sviluppato per salvaguardare la specie. E’ quel sistema che ci ha protetto e salvato nei momenti più difficili. Ma come ogni cosa che dà sicurezza, automaticamente ci vincola ad essa. E per quanto ci sono dei vincoli, questi sono di ostacolo alla nostra crescita.
Ma perché dobbiamo crescere? Perché è la nostra stessa natura! Forse l’albero non cresce? Forse si preoccupa che con la sua crescita viene ostacolata la crescita di altri alberelli intorno a lui? E’ una legge della natura crescere, anche se altre specie meno forti soccombono, non c’è violenza in questo! Forse non è giusto che il leone mangi la gazzella per sopravvivere? leone e gazzella
Chi lo può dire?  Non c’è odio in questo! E’ così e basta!… Cos’è l’amore? Qualcuno pensa sia il contrario dell’odio…

Forse l’amore è ciò che Gesù ha tentato di spiegare invano, tant’è che lo hanno crocifisso? Mi sembra che questa “crocifissione” sia un processo continuamente in atto! Tutti siamo dei gesù quando vogliamo esprimere il proprio potenziale, la propria crescita, ma ecco che subito qualcuno si infastidisce e pronti veniamo attaccati da tutte le angolazioni e nella maggioranza dei casi queste persone non hanno proprio nulla a che fare con noi!!!

-    I grandi spiriti hanno sempre incontrato violenta opposizione da parte delle menti mediocri.

                                                                                        A.Einstein

Mettere luce dove c’è buio è la scelta più saggia che si possa fare. Perché tentare di camminare nel buio credendo di sapere dove si sta andando? D’altronde, le difficoltà nascono proprio dove non c’è chiarezza. Ed è come se si tentasse di colpire il nemico al buio lanciando pugni e calci nel vuoto. Dobbiamo vederci chiaro in tutta questa faccenda! Abbiamo tralasciato troppe cose e oggi più che mai, in corsa contro il tempo, non abbiamo più un momento in cui possiamo fermarci un attimo e riflettere.

    Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno l a guardare.

                                                                                       A.Einstein

Tutta la storia mostra come l’evoluzione dell’uomo è avvenuta anche attraverso le guerre, ma le guerre non sono mai piaciute a nessuno! Eppure erano necessarie! Oggi stiamo vivendo un periodo particolare e molto importante da cui dipenderanno grossi cambiamenti nel nostro pianeta. Abbiamo però degli strumenti in più rispetto ai nostri antenati: il potere dell’informazione. E questo ci porta inevitabilmente al conseguimento di un nuovo livello di coscienza, dove il vecchio sarà costretto a lasciare spazio al nuovo. E come in tutte le cose nella natura, quando qualcosa sta morendo, cerca di sopravvivere a tutti i costi. Quindi, allo stesso modo, i vecchi  sistemi  tenteranno di sopravvivere e le persone che continuano a sostenerli, cercheranno di  incutere paure, minacce, false informazioni e addirittura impedire il divulgamento di altre forme di informazione che non segue la loro linea. Cose tipiche di chi è lontano dalla connessione energetica con la Fonte Divina! L’unica difesa contro queste paure è la conoscenza, la fiducia (nel Divino) e l’amore. Il mondo esiste e funziona in quanto esistono le Leggi Divine e non può continuare a vivere con leggine inventate dall’uomo che pensa solo al proprio tornaconto. Già… a proposito… la crescita personale non è da intendersi nel senso di arricchirsi a danno degli altri… o impedire agli altri di crescere come meglio possono. Per crescita personale si intende la crescita interiore finalizzata alla conoscenza del divino in ognuno di noi. Ben vengano TUTTI  i metodi che aiutano l’uomo in questo percorso!wisdom Esiste prima di tutto la Legge Divina, poi quella dell’uomo. Le leggi dell’uomo segnano il confine della consapevolezza. Dove iniziano le leggi dell’uomo, lì, inizia la sua stupidità! Provocatorio?… Non direi… osservate questo esempio: è necessario mettere un limite di velocità a 50 km/h in un centro abitato? Se non sono stupido, ci arrivo da solo a capire che devo tenere una velocità tale che mi permetta di bloccare la mia auto in tempo se, ad esempio, un bambino mi attraversa la strada all’improvviso! Quindi le persone intelligenti vanno piano non perché hanno visto il cartello, ma perché capiscono la situazione! Forse lo stupido che vede il cartello va piano? O forse credete che continua ad andare forte perché non ha visto il cartello? O ancora meglio credete che una bella multa per eccesso di velocità lo fa diventare di colpo intelligente?
Le multe servono solo ad arricchire le casse dello stato, non a creare consapevolezza. Sono fermamente convinto che le leggi e le regole sono un insulto all’intelligenza, perché impongono un determinato comportamento da seguire senza necessariamente capirne le ragioni. In altri casi è come se dicessero: “Se hai fame devi mangiare, se hai sete devi bere, se hai voglia di fare pipì o altro… devi aspettare l’occasione giusta!”… E in questo caso, quando parlo di intelligenza non intendo dire avere dei bei voti a scuola! O imparare bene le regole e le leggi! Quello è solo un esercizio mentale! La mente non ha nulla a che vedere con l’intelligenza! La vera intelligenza è la consapevolezza e la consapevolezza basta a se stessa! Non ha bisogno di altro! Certo, le leggi e le regole sono necessarie in questo mondo allo stato attuale. Io non sono contrario alle leggi e alle regole! Ci sono delle sottili sfumature nell’accettare a priori delle regole e seguirle come pecore o agire con consapevolezza in prima persona. E quando in tutto il mondo ci saranno solo persone consapevoli, le leggi e le regole non avranno più ragione di esistere! Io non offro soluzioni. Offro solo spunti di riflessione, condivido la mia consapevolezza per quanto ce n’è!
Nessuno ha soluzioni che possono essere valide per tutti. I politici?………………….!!! Le cose migliorano grazie all’intelligenza e alla creatività degli uomini! Sono gli ingegneri, gli scienziati e gli artisti che migliorano la qualità della vita! Non i politici!venus fresco
 
  Come vede il corpo, la terza via?

Avete letto la pagina chi sono? In quelle righe ho parlato delle bollicine che si sono evolute… ricordate? Perché, per evolversi hanno dovuto prendere le sembianze di un corpo, sia che fosse un pesce o un essere umano?… Riesci a vedere la tua faccia senza uno specchio? Cosa è uno specchio? E’ una cosa esterna a te che riflette la tua immagine. Solo ciò che esterno a te può farti vedere chi sei… mirror7 Solo un punto di riferimento può indicarti la via. I naviganti seguono la stella polare. Talvolta hanno invece bisogno di un faro. E quando mi devo aggiustare i capelli ho bisogno di uno specchio. Se ho freddo ho bisogno di caldo. Se ho caldo ho bisogno di fresco. Se c’è buio… e devo vedere… mi serve la luce! Che cosa è la notte senza il giorno? Puoi separare le due cose? Tuttavia, sai distinguere la notte dal giorno perché le conosci entrambe! Esistono delle forme viventi che nascono vivono e muoiono in una sola notte. Loro non sanno cosa sia il giorno! Sai cosa è il freddo perché conosci il caldo. Se ti chiedessi cosa è 15 gradi cosa diresti? E’ caldo o freddo?… Se pensi che sia freddo significa che ti stai riferendo alla temperatura del tuo corpo, che dovrebbe essere poco più di 36 gradi. Ma non puoi definire una cosa se non hai un punto a cui riferirti. Lo  stesso discorso vale per le cose dure e molli, liquide e gassose, alte e basse. Cosa è una salita?… una strada che cambia posizione nello spazio e nelle 3 dimensioni conosciute in fisica, procede verso l’alto. Ma se procedo nel senso opposto? Diventa una discesa! Eppure la strada è la stessa! Il punto di vista fa la differenza!

-    Un giorno viaggiando con la mia auto, mentre percorrevo la salita di Mogoro sulla statale 131, mi chiama un amico al cellulare : “ti ho incrociato! Eri tu?” – e io -  “… perché? Dove sei?” – “nella discesa di Mogoro” – ”no, allora non ero io!”…  A volte siamo troppo distratti!

Scherzi a parte, se non abbiamo un riferimento, non possiamo esprimere un concetto di quantità, qualità, bontà, bello o brutto e buoni o cattivi! Tutti i giudizi sulle cose e sulle persone vengono fatti sempre in virtù di un riferimento, tra l’altro, molto individuale e concettuale, dove ognuno di noi più o meno si riconosce e si identifica. Tutti questi riferimenti e concetti hanno valore relativo. Non hanno nessun valore assoluto! Chi mi può dire a che temperatura finisce il freddo e da lì in poi inizia il caldo? Oppure quando finisce il giorno e inizia la notte? Qual’è il punto esatto? Siamo costantemente immersi in diversi punti nello spazio e nel tempo che sono continuamente in movimento e il fluire dall’uno all’altro creano le nostre percezioni della nostra vita!

Il fluire dall’uno all’altro… in continuo movimento… creano le percezioni che abbiamo… molto personali…  con le quali esprimiamo i nostri giudizi… opinioni… molto personali… sulle cose… e sulle persone……………

I cinesi, su questo fluire dall’uno all’altro, hanno formulato la legge del Tao. Yin e Yang. Tutto ma proprio TUTTO (in questo mondo) può essere visto semplicemente sotto queste due polarità. E l’agopuntura si basa proprio su questo concetto di dualità. Quindi, la malattia è uno squilibrio in eccesso o in difetto di queste due energie. – Aprirò in seguito una pagina a parte dove spiegherò più dettagliatamente questo concetto. – Per arrivare alla visione del corpo da questo punto di vista, ho bisogno ancora di alcuni esempi. Come ho detto prima, secondo il concetto del Tao, tutte le cose sono scomponibili in due polarità. La notte e il giorno: Yin e Yang; freddo e caldo: Yin e Yang. E così via. Non esiste una separazione tra lo Yin e lo Yang, essi fluiscono l’uno verso l’altro continuamente. Il che non significa che il mio corpo adesso è caldo, poi si sfredda e poi ridiventa caldo, ma c’è un meccanismo che lo mantiene caldo. E questo meccanismo richiede energia che viene presa dal cibo e dall’aria mediante dei processi che rispondono alle leggi dello Yin e dello Yang. Infatti il cuore mi fa circolare il sangue mediante il processo di sistole e diastole (Yin e Yang) e i polmoni mi permettono di respirare con l’inspirazione e l’espirazione (Yin e Yang). Osservando con lo stesso concetto anche le altre cose, noterete però che i cicli di Yin e Yang hanno dei tempi molto diversi. Se per la notte e il giorno sono necessarie 24 ore, così per il respiro necessitano circa 5 secondi e per le 4 stagioni, un anno. E tutto ricomincia da capo. Come percorrere un cerchio all’infinito.  image

Così il continuo confronto delle cose con i propri poli opposti, da un’idea e una dimensione alle cose stesse. E ogni polo è connesso con l’altro polo da una gradualità, senza nessuna separazione. Analogamente, possiamo connettere il corpo con lo spirito! Spirito e materia. Cosa è la materia? E’ la parte più grossolana dello spirito, cioè l’aspetto Yin! Cosa è lo spirito? E’ la parte più sottile della materia, cioè l’aspetto Yang! Non esiste nessuna separazione! Ancora una volta ci troviamo di fronte a un fluire da un estremo a un altro. Allo stesso modo in cui avevamo visto il concetto della salita e della discesa. Dipende da che parte vai. Da quale punto di vista osservi le cose. Ma, nel ricordare quelle forme viventi che non conoscono mai il giorno, mi chiedo come avrebbero fatto quelle bollicine ad avere la risposta alle loro domande, se non avendo una esperienza col proprio polo opposto?… Il corpo!observer3 Il corpo è il contenitore del nostro spirito. Con il corpo permettiamo allo spirito le esperienze che gli necessitano per la propria evoluzione. Quindi abbiamo il dovere di averne cura e rispetto. Quando il corpo è stanco dobbiamo concedergli di riposarsi. E’ molto più facile essere saggi, quando siamo sani e carichi di energia, mentre quando siamo sofferenti, stanchi e stressati, tendiamo a essere intolleranti e nervosi. Tuttavia questi momenti sono un’ottima opportunità di riflessione.
A questo punto è spontaneo chiedersi: allora, dato che questi momenti sono un’opportunità, che cosa è la malattia? Che significato ha?

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image